Bonifica bellica

Con i termini “bonifica bellica”, “bonifica preventiva” e “bonifica preventiva e sistematica” intendiamo quelle attività finalizzate ad accertare, per mezzo di precise tecniche previste dal capitolato del Genio militare, che un’area interessata dalla realizzazione di un opera sia strutturale, sia infrastrutturale, non contenga ordigni bellici nel suo sottosuolo (fino ad un’assegnata profondità imposta dal Genio militare competente per territorio).
Si tratta di attività affidata a ditte civili specializzate nel settore ed autorizzate dal Ministero della Difesa, avvalendosi del supporto tecnico della Forza Armata (Direzioni Genio Militare e Comandi Genio).

bonifica bellica - bonifica preventiva - bonifica sistematica
La Bonifica bellica sistematica

La Bonifica bellica sistematica è attività di ricerca, individuazione e scoprimento di ordigni esplosivi e residuati bellici. Si esegue a scopo preventivo su aree del territorio nazionale e aree di mare, lacuali e fluviali, presumibilmente interessate da eventi bellici, in cui si ipotizza la presenza di ordigni esplosivi interrati o comunque non individuabili a vista. e mira a liberare il terreno e/o il fondale dalla loro presenza.

La bonifica bellica sistematica si distingue in:

  • bonifica bellica sistematica terrestre: attività di ricerca, individuazione e scoprimento di ordigni esplosivi residuati bellici interrati, nonché giacenti nei luoghi occulti;
  • bonifica bellica sistematica subacquea: attività di ricerca, individuazione e scoprimento di ordigni esplosivi residuati bellici situati nel mare territoriale, o in acque interne, e comunque sommersi (la cui profondità comporti l’esigenza di impiegare particolari attrezzature subacquee)

La Bonifica bellica occasionale del territorio, terrestre e subacquea è invece l’attività di identificazione, valutazione, messa in sicurezza e successiva neutralizzazione, mediante inertizzazione, distruzione “in situ”, ovvero rimozione e distruzione in luogo idoneo, di ordigni esplosivi residuati bellici, rinvenuti casualmente o per effetto di specifiche attività di ricerca.

Alle bonifiche occasionali provvedono gli Artificieri dei Reparti del Genio Militare competenti per territorio.

La Bonifica bellica del territorio
Bonifica terrestre superficiale

Bonifica terrestre

Bonifica superficiale

La bonifica superficiale viene eseguita su tutta l’area di cantiere interessata dall’opera. Il lavoro consiste nella ricerca, localizzazione ed eliminazione di tutte le masse ferrose, di tutti gli ordigni e manufatti bellici esistenti fino a m 1,00 di profondità dal piano di campagna originario o dall’alveo. La bonifica superficiale è propedeutica a qualsiasi bonifica profonda.

Bonifica in profondità

Consiste nell’esplorazione e localizzazione in profondità mediante trivellazioni verticali.

Allo scopo, l’area viene suddivisa in quadrati con lato di m 2,80×2,80 al centro dei quali, tramite trivellazioni non a percussione, vengono praticati dei fori in cui viene calata la sonda del metaldetector e, in assenza di presenza di masse metalliche, si allunga il foro di un altro metro e così via fino alla profondità richiesta.

Tale suddivisione permette di controllare il terreno in profondità disinfestandolo da residuati di medio e grosso calibro.

Bonifica subacquea

Questa tipologia di bonifica viene eseguita mediante l’applicazione dei piani operativi concordati con le locali Capitanerie di Porto.

Nel caso di bonifica subacquea, la ricerca degli ordigni residuati bellici viene effettuata da sommozzatori e rastrellatori regolarmente brevettati B.C.M., iscritti ed autorizzati dalla Capitaneria di Porto (nel caso di acque marine), con l’ausilio di adeguati apparati rilevatori di alta precisione e l’impiego di idonei mezzi nautici abilitati alla navigazione e dotati di apparati radar, apparati radio VHF e software di gestione della navigazione interfacciati a sistemi di posizionamento adeguati (DGPS). L’area da esplorare viene materialmente identificata sui monitor di gestione della navigazione, delimitata con segnali galleggianti e poi frazionata in modo da avere la massima garanzia di completezza dell’esplorazione.

Bonifica bellica subacquea